Arco di Trionfo

Arco di Trionfo di Parigi

Il monumento simbolo di Parigi, voluto da Napoleone Bonaparte


arco trionfo 300Una passeggiata nella celebre Avenue des Champs Élysées, ovvero la via trionfale, è d'obbligo per tutti i turisti che desiderano scoprire le aree più famose e caratteristiche della capitale, ma anche per tutti coloro che desiderano unire bellezze architettoniche a shopping di lusso. Gli Champs Élysées, si possono descrive come un lunghissimo viale alberato (circa 7km), che unisce idealmente il Louvre alla Défense, attraversando l'Arc deu Carrousel, Place de la Concorde (famosa per l'obelisco egizio), l'Arc de Triomphe e la Grande Arche. Tappa immancabile di questo spettacolare viale è sicuramente il celebre Arco di Trionfo eretto per volere di Napoleone I, nel 1186. Ad oggi il monumento chiama a se centinaia di turisti ogni giorno, che desiderano conoscere il museo (che ripercorre la storia dell'arco) situato al suo interno e godere della spettacolare vista panoramica dalla terrazza. Così maestoso ed imponente, l'arco di trionfo e la sua storia affascinano da secoli le generazioni che si susseguono.

La storia del celebre arco di Napoleone

Il 15 agosto del 1806, esattamente nel giorno del compleanno dell'imperatore Bonaparte, si posò la prima pietra del monumento simbolo del trionfo nella battaglia di Austerlitz, che sbaragliò la terza coalizione antifrancese. L'architetto Jean Chalgrin, progettò il monumento come versione neoclassica degli archi di trionfo dell'impero romano, di cui Napoleone si era innamorato durante la sua visita a Roma. La maestosa opera venne ultimata nel 1836, cinque anni dopo la morte di Bonaparte, infatti, l'imperatore non poté vedere l'opera compiuta. I lavori, si dilungarono a causa della rivoluzione e della caduta dell'imperatore, per poi riprendere con nuovi architetti e nuovi progetti dopo la sua morte. Nel 1920, l'arco fu dedicato al milite ignoto e ai suoi piedi, sotto una lastra di pietra, venne sepolta la salma di un soldato caduto nella prima guerra mondiale, per commemorare tutti i caduti della prima guerra mondiale. 

Le icone dell'arco

Dopo la morte dell'imperatore, il progetto iconico, cambiò molto e si decise di integrare alla gloria della Grande Armée (grande armata in italiano) anche la gloria dell'armata rivoluzionaria. Osservando le sue icone è possibile vedere il susseguirsi cronologico delle gesta francesi: dalla Marseillase di Francois Rude, che raffigura la partenza dei volontari nel 1792; il trionfo del 1810 di Pierre Cartot; La Resistenza del 1814 e La Pace del 1815 di Antoine Etex.

Come arrivare:

L'Arco di Trionfo è situato in Place de Charles de Gaulle e per arrivare puoi scegliere tra differenti mezzi di trasporto:

  • Metropolitana linea 1, 2 e 6 - Fermata Charles de Gaulle;
  • RER (A) - Fermata Charles de Gaulle;
  • Velib;
  • Bus Turistico - Fermata Arco di Trionfo.

Visita

Per rendere speciale la tua visita all'Arco di Trionfo, scegli il servizio guida: preparate e divertenti guide locali, che parlano la tua lingua. Alla pagina GUIDA ITALIANA PARIGI, puoi scegliere tra il servizio economico GUIDA NORMALE, ovvero una guida che mostrerà il meglio del quartiere e racconterà curiosità sull'Arco di Trionfo; oppure una GUIDA UFFICIALE, ovvero una guida che saprà guidare i partecipanti alla scoperta del museo all'interno del monumento, dove sarà possibile visionare oggetti appartenuti a Napoleone Bonaparte, cimeli della Prima Guerra Mondiale e documenti storici riguardanti l'arco stesso.